post-title Il messaggio di libertà delle piante

Il messaggio di libertà delle piante

Il messaggio di libertà delle piante

Il messaggio di libertà delle piante

Cogli l’essenza giusta per te

Barbara Pozzi

Gli Alberi

Non credo che vedrò mai una poesia bella come un albero. Un albero la cui bocca bramosa sia attaccata al dolce seno fluente di madre Terra. Un albero rivolto a Dio per tutto il giorno, che innalza al cielo le sue frondose braccia in segno di preghiera. Un albero che in estate può indossare un nido di pettirossi tra i capelli. Sopra il cui cuore la neve si stende leggera, che vive intimamente con le piogge. Le poesie sono scritte dagli sciocchi come me, ma solo Dio può creare un albero

Joyce KilMer

Il perseguimento di valori in cui si crede, così come l’ascolto del proprio sentire, sono pratiche di libertà a cui tutti aspiriamo e che richiedono grande fiducia, coraggio e forza. Spesso sul proprio cammino si ha bisogno di qualche alleato per continuare a visualizzare l’obiettivo e procedere nella giusta direzione. In questo senso, la Natura è grande amica della libertà, ci aiuta a ricordare quali sono i nostri bisogni più autentici e a interagire al meglio con il nostro centro profondo, allontanando i condizionamenti sociali tra i quali ci muoviamo quotidianamente. La Natura ci riporta alla nostra essenza attraverso tutte le sue espressioni, a partire dal mondo vegetale. L’ olio essenziale è l’anima della pianta, la sua componente più sottile e pura, e contiene tutti i principi attivi e le informazioni energetiche che la caratterizzano. Esso interagisce con noi attraverso il profumo, portandoci un messaggio da accogliere. Alcuni oli essenziali lavorano a livello sottile sul senso di libertà, sull’abbandono dei condizionamenti e sulla forza di perseguire la propria strada personale. Il loro utilizzo può essere un supporto di grande valore in un percorso quotidiano verso la conoscenza di sé, anche intesa come liberazione da tutte le sovrastrutture che spesso incontriamo. Vediamo più da vicino le piante che possiamo utilizzare in aromaterapia per andare a lavorare sugli aspetti che ci consentono di vivere con pienezza e sincerità noi stessi e ciò che ci circonda.

Ogni pianta è portatrice di un messaggio intrinseco, che si può cogliere anche solo osservandola con attenzione

Cipresso: tornare all’essenziale

Il Cipresso è un albero sacro in diverse culture, simbolo di vita eterna, sia per il suo fogliame sempreverde che per l’incorruttibilità del suo legno, inattaccabile dalle tarme. È una pianta associata al silenzio, alla tensione spirituale e al raccoglimento, tanto da essere soprannominata “il prete vegetale”. Lo si vede svettare non solo all’interno dei cimiteri, ma anche nei monasteri e nei chiostri. Si tratta del vegetale che incarna al meglio la segnatura planetaria di Saturno, dal quale è governato: il suo olio essenziale favorisce il raccoglimento, sposta l’attenzione dall’esterno verso l’interno. Alimenta la forza spirituale e la volontà. Il Cipresso dona chiarezza e serenità nei momenti in cui si devono prendere decisioni. Consente di attingere alle proprie risorse nascoste e di riconoscere i bisogni essenziali, distogliendoci da ciò che è superfluo. Il suo profumo ci supporta nei momenti di cambiamento, favorendo una maggiore consapevolezza.

Eucalipto: respiro di libertà

L’Eucalipto è una pianta che assorbe l’acqua attraverso le enormi radici drenanti. Per questa sua caratteristica veniva utilizzato dagli aborigeni australiani per bonificare i terreni paludosi. Febbrifugo, antisettico ed espettorante, è un olio essenziale legato al polmone e al sistema respiratorio in generale. Queste precisazioni occorrono poiché l’azione sul piano fisico dell’Eucalipto è speculare a quella sul piano psico-emotivo: così come apre il torace, esso riporta ossigeno e freschezza ai pensieri, così come assorbe l’acqua dal terreno e lo bonifica, dissipa le situazioni stagnanti a livello emozionale. È particolarmente utile quando si necessita di “tornare a respirare”, rispetto a una situazione che si avverte come soffocante, quando la cautela e  le abitudini vengono avvertite come un freno rispetto a una possibilità di rinnovamento. Un olio essenziale che ripulisce l’aria e le energie, rinvigorisce e dona freschezza.

Incenso: vivere il presente

L’Incenso è da sempre legato all’ambito sacro e religioso, dove viene utilizzato per creare un tramite con il divino, purificare l’aria, elevare il pensiero. Si tratta di un olio essenziale con spiccate proprietà antimicrobiche e antisettiche. Una delle sue parole chiave potrebbe infatti essere “pulizia”: così come deterge e purifica sul piano fisico, aiuta a ripulire l’esistenza dalle scorie del passato, a recidere i legami con ciò che non ci appartiene. L’olio essenziale di Incenso rende il respiro più profondo e lento, anche per questo predispone alla calma e alla meditazione, aiuta a coltivare la propria spiritualità.

Mandarino: risvegliare il bambino interiore

L’olio essenziale di Mandarino è legato in maniera atavica all’infanzia e alla fanciullezza. Non a caso, è uno degli oli essenziali che possono essere utilizzati fin dai primi anni di vita. Sul piano sottile, il Mandarino risveglia il nostro bambino interiore e lo supporta. Aiuta ad abbandonare le maschere e le ipocrisie, a riscoprire l’amore di sé. Profondamente rilassante, è consigliato per tutti coloro che sono molto condizionati dall’ambizione al successo o dalle regole sociali.


Barbara Pozzi

Barbara cresce in una famiglia che le trasmette, fin da piccola, un profondo amore per la Natura. Appassionata di botanica, la madre le regala un estrattore: questo dono è il seme di un percorso che la porterà a conoscere a fondo gli oli essenziali, studiando da autodidatta, partecipando a corsi di naturopatia e aromaterapia e poi sperimentando
sul campo. La sua visione è, fin dall’inizio, quella di riproporre un profumo completamente naturale, privo di qualsiasi additivo e che restituisca l’energia sottile della pianta da cui proviene, proprio come si faceva nelle antiche tradizioni di fitoterapia e profumeria, andate perdute nel tempo. È così che nel 2006, assieme a Massimo Moretti, Barbara fonda l’Opificio Olfattiva. Aromaterapeuta del progetto, Barbara si dedica alla creazione di prodotti di Profumeria Botanica per il benessere dell’uomo e dell’ambiente che lo circonda.

Olfattiva

Viale Zaganelli, 30 Massa Lombarda (RA)

Tel.: 0545 82966

Sito: www.olfattiva.it

 

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.

Ti è piaciuto questo articolo?

Scopri e leggi altri articoli sulla Rivista Vivi Consapevole in Romagna!
Vai alla Rivista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *