Il primo mercato bio della Romagna

Il primo mercato bio della Romagna

Nasce a Forlimpopoli da un’eccellenza di fornitori

Scritto da Fabio Cappelletti

Nel 2009 nasce la mia avventura nella piazzetta del mercato biologico a Forlimpopoli. È stata un’esperienza che ha cambiato la mia vita e la storia del nostro panificio, il Forno biologico Cappelletti e Bongiovanni.

Per questo in primo ringrazio il comune di Forlimpopoli, specialmente il vicesindaco Michelacci (delega con attività economiche e turismo) che ha avuto il coraggio, l’intelligenza e l’intuizione di puntare e investire su una tipologia di mercato nuovo. Questo settore sta prendendo sempre più piede e porta notevoli vantaggi a tutta la comunità romagnola, alle aziende che partecipano, all’affluenza al mercato e quindi al comune di Forlimpopoli.

Queste le parole del vicesindaco Michelacci, durante una mia intervista telefonica:

«È stato difficile inizialmente ma si è rivelata una grande soddisfazione. È iniziato tutto con l’idea di valorizzare Forlimpopoli, città Artusiana, e le aziende locali che producono alimenti biologici di eccellenza. Presentammo una proposta al Gal L’altra Romagna, che in parte finanziò l’idea e partimmo con un mercato nella piazza davanti alla rocca. Ebbi l’idea di provare a inserire questa nuova tipologia di mercato nella giornata in cui c’è il mercato rionale (tradizionale), mettendo i banchetti delle aziende biologiche a uno degli ingressi del mercato. Per fare questo, era necessario che le aziende si aggregassero in una associazione e nacque l’associazione “Antichi mestieri e vecchi sapori” (ancora esistente). Al suo interno era presente anche Pietro Venezia, un tempo rappresentante di Prober (produttori biologici Emilia Romagna).

Pietro ha operato in maniera egregia come garante per l’affidabilità delle aziende che partecipavano al mercato e come organizzatore dell’intera iniziativa. Il progetto iniziale avrebbe dovuto svilupparsi e ampliarsi fino a creare un mercato più grande e ripetibile su altre piazze che raccogliesse le aziende della vallata del Montone, del Rabbi e del Bidente che fanno prodotti biologici di eccellenza».

Cos’è stato per il Forno Cappelletti & Bongiovanni il Mercato Bio?

È stata una grande possibilità di crescita, mettersi in piazza tutte le settimane con un banchetto con tutti i nostri prodotti. È stato molto stimolante e anche divertente!
Ci ha dato la possibilità di essere in contatto diretto con il cliente e ha permesso uno scambio di informazioni diretto, dal produttore al cliente.
È stata un’occasione importante per noi per raccontare come facciamo il pane e gli altri prodotti da forno, perché lo facciamo e qual è la nostra filosofia, quali materie prime scegliamo e perché scegliamo un ingrediente piuttosto che un altro. Ci ha permesso di capire meglio quali fossero le esigenze delle persone, di crescere assieme, di ascoltare consigli e critiche costruttive, ci ha permesso di far capire alle persone che nel nostro pane ci siamo noi dentro, che siamo un po’ come i prodotti che facciamo, che non seguiamo questa linea perché adesso va di moda il biologico e il vegano ma perché ci crediamo!

Crediamo che questa sia l’unica via per dare un futuro migliore alla nostra terra e alle persone che ci abiteranno, compresi i nostri figli.

Ci ha permesso di dare consigli, di far capire alle persone perché è meglio mangiare prodotti fatti con farine di grani antichi coltivate in biologico, perché è meglio non mangiare zuccheri raffinati.

È stata un’occasione per farci conoscere da molte più persone e di conseguenza di ha permesso di sviluppare la nostra attività di famiglia. Quando iniziò il progetto del mercato di Forlimpopoli, lavoravamo in azienda io, mia madre e mio padre e un ragazzo che è con noi da 25 anni.

Ora siamo in otto! Abbiamo potuto così fare più cose!

Panificazioni speciali, con poco o senza glutine, biscotti senza zuccheri, focacce con erbe di stagione e molti altri prodotti genuini e preparati con amore.

Il mercato è una realtà tutt’ora in forte crescita, l’affluenza delle persone che vengono a fare la spesa è in notevole aumento e di conseguenza anche i fatturati di vendita delle aziende partecipanti.

Tra le aziende che fanno parte dell’associazione, si è creata una forte rete che è molto di più di una rete, è un rapporto umano basato sul dialogo, la fiducia e la serietà fra chi coltiva, produce e trasforma e chi compra e consuma. Potrei definirlo il più grande esempio di economia solidale e sostenibile sul nostro territorio, in Romagna.

Quali sono le aziende che partecipano al Mercato Bio?

Le aziende che partecipano oggi sono sette. Nell’arco del tempo alcune aziende sono cambiate: da circa quattro anni il gruppo si è consolidato e collabora stabilmente, garantendo serietà e sicurezza per l’associazione e soprattutto per il cliente. L’obiettivo è di fare rete e non farsi concorrenza, è davvero una famiglia allargata!

L’associazione si sta riorganizzando per sviluppare questo progetto, che da poco ha preso il nome di RomagnaBio, e sta lavorando per replicare questo format in altre piazze o location. L’obiettivo è di dare la possibilità a più persone di conoscere questa realtà e di consumare cibi artigianali, freschi, sani, genuini e locali, dando un grosso contributo alla sostenibilità dell’economia locale.

Parola alle aziende bio

  • Società Agricola Cà Barleti di Palatti Valentino e Benericetti Cristina
    L’azienda viene coltivata ormai da 4 generazioni con l’obiettivo di produrre alimenti vivi e sani nel rispetto dell’ambiente. Nel 2000 iniziò la conversione in biologico e nel 2004 un percorso di agricoltura biodinamica, percorsi conclusi con la certificazione nel 2005 per il biologico dal CCPB e nel 2012 dalla DEMETER per il biodinamico.
    Contatti: Castrocaro Terme – Tel 328-3590403 / 340-8284428

  • Forno biologico Cappelletti e Bongiovanni
    Da più di 35 anni offriamo prodotti naturali e genuini, lavorando artigianalmente il pane e tutti i prodotti da forno, senza l’utilizzo di macchinari o congelatori, per poter così garantire prodotti freschi e sani. La nostra filosofia si basa sulla genuinità, digeribilità e naturalezza del pane e per questo lavoriamo solamente con materie prime altamente selezionate e a km0.
    Per essere aggiornati o per vedere cosa facciamo potete visitare o scrivere sulla nostra pagina facebook “Forno Dovadola” oppure il nostro sito internet www.fornodovadola.it
    Contatti: Dovadola – 3381459338
  • Azienda Agricola I Piccoli
    Siamo Chiara e Gianluca e qualche anno fa, nel 2009, abbiamo deciso di dare una svolta significativa alla vita della nostra famiglia creando l’Azienda Agricola I Piccoli. Vista la nostra passione per la natura e la nostra convinzione di poter far qualcosa di buono per la Terra e per chi la abita, fin da subito abbiamo coltivato la nostra terra secondo i principi dell’agricoltura biologica, usando semi e piantine certificate bio, applicando la rotazione tra le diverse colture per non impoverire il terreno, limitando il più possibile i trattamenti e usando solo prodotti consentiti dal regolamento biologico.
    Contatti: Forlì – 3478870074 / 3497458640
  • Consorzio Agricola Valbidente
    Allevare animali nel rispetto del territorio e dell’ambiente, richiede tempo, passione e conoscenza dell’elemento principale: la terra. Il Consorzio è costituito da un gruppo di allevatori situati nelle colline della Provincia di Forlì, tra la valle del Bidente e quella del Rabbi, nei comuni di Civitella di Romagna, Premilcuore e Rocca San Casciano, che da decenni si dedicano all’allevamento e all’agricoltura biologica e che si sono uniti per salvaguardare il lavoro, i saperi e i prodotti del territorio. Gli animali utilizzati per la produzione di carne biologica rispondono alle condizioni e ai requisiti previsti nel Regolamento (CE).
    La zootecnia adottata dal Consorzio è un sistema produttivo alternativo all’allevamento intensivo, da cui si differenzia in quanto ha come obiettivi primari una produzione ecosostenibile e la salute di tutti. I bovini allevati sono di razza: Romagnola, Limousine e Pezzata Rossa Italiana, nati e cresciuti sulle nostre colline.
    Contatti: Civitella – Tel 0543/493327 Punto Vendita Macelleria: Via Matteotti 6 47014 Meldola (FC)
  • Azienda agricola La Lenticchia
    L’ Agriturismo La Lenticchia nasce dall’incontro di due giovani anime, Filippo e Claudia e dal loro amore per la terra. Specializzati in colture che nel nostro territorio sono state dimenticate con l’avvento della “ricchezza”: cereali antichi e legumi. Si usano entrambe queste materie prime per ricavarne farine macinate a pietra e coltivare un grande orto multispecie. L’azienda agricola biologica e agriturismo La Lenticchia collabora anche con la gastronomia RaVegan, per la quale produce soia No OGM Made in Romagna.
    Contatti: Forlì – 3281887248

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.