post-title Mindfulness: cosa significa?

Mindfulness: cosa significa?

Mindfulness: cosa significa?

Mindfulness: cosa significa?

Intervista a Diego Pedrazzoli

A cura della Redazione

Non so a quanti di voi sia già capitato di sentire la parola Mindfulness. Io che scrivo, lo confesso, l’avevo già sentita un paio di volte, ma non avevo mai approfondito il suo significato. Sapevo solo che la sua traduzione letterale dall’inglese era “pienezza di mente”, meglio espressa in italiano con “consapevolezza”.

Oggi, grazie all’aiuto di Diego Pedrazzoli, operatore e insegnante di discipline Bio-naturali e istruttore di protocolli mindfulness based, posso finalmente scoprire cosa significa Mindfulness e qual è la sua vera importanza ed essenza.

Cosa significa Mindfulness?

“Mindfulness significa prestare attenzione alla propria esperienza, momento per momento, intenzionalmente e in modo non giudicante. La Mindfulness è un metodo sistematico, validato scientificamente, per gestire stress, dolori fisici cronici e sofferenze, ma anche per affrontare efficacemente le sfide della vita quotidiana, sempre più frenetica. L’intenzione del metodo è quella di aumentare la presenza e la consapevolezza delle persone nella loro vita quotidiana in modo da riconoscere il livello di stress in cui si trovano ed il tipo di stimoli e situazioni che causano loro tale stress e poi mettere in atto metodi efficaci per affrontarlo”.

Mindfulness: diventa più consapevole

Diego continua spiegando qual è l’obiettivo della prospettiva Mindfulness: “Le tecniche su cui si basa insegnano a servirsi dei punti di forza che noi tutti possediamo al fine di arrestare i disturbi provocati o collegati allo stress. Si diventa più vividamente consapevoli delle sensazioni del corpo, delle emozioni e della mente, di tutti gli aspetti presenti nell’esperienza quotidiana, in modo da poter cominciare a risvegliarsi e ricollegarsi nel profondo. I partecipanti ai corsi, invece di alimentare lo stress rimanendo preda del vortice di pensieri, emozioni, dolore o sofferenza, apprendono a restarvi vicino senza esserne travolti, trovando un posto di osservazione calmo da cui esplorare. La pratica della consapevolezza promuove infatti un approccio consapevole alle origini dello stress e aiuta a riconoscere le proprie reazioni comportamentali inadeguate o le rappresentazioni del sé non autentiche, riducendone il consueto accadimento automatico. Con l’esercizio si apprende inoltre a riconoscere i propri pensieri in quanto tali e a non considerarli sempre come dati di fatto; si persegue cioè una capacità di de-identificazione dai propri pensieri. Questo è un passaggio cruciale per recuperare il benessere psicologico e l’integrazione mente-corpo: risvegliarsi nel profondo, centrarsi e scegliere in modo più adeguato le proprie azioni quotidiane, imparando ad adattarsi alle circostanze della vita senza tentare di controllarle”.

 Dove seguire corsi di Mindfulness?

Diego Pedrazzoli ha creato lo Studio Probenessere, dove chi vuole apprendere la Mindfulness può farlo durante le serate di pratica introduttiva alla meditazione mindfulness, o i corsi organizzati: il corso base e l’MBSR (mindfulness based stress reduction), cioè il “Programma per la riduzione dello stress basato sulla pratica della consapevolezza”.  La ricerca scientifica condotta in oltre 30 anni di attività, ha evidenziato come l’MBSR abbia effetti positivi su molte patologie correlate o fonti di stress quali dolori cronici, malattie cardiovascolari, malattie polmonari, ipertensione, cefalee, disturbi del sonno, disturbi gastrointestinali, malattie della pelle; su numerose problematiche psicologiche come ansia, depressione, disturbi alimentari, attacchi di panico, difficoltà di concentrazione o apprendimento e in tutte le situazioni difficili di vita, come lutti, separazioni e problematiche di coppia. Conclude Diego: “Il programma MBSR è rivolto a tutte le persone che si trovano a vivere a contatto con l’intensità e il disagio dell’esperienza umana, derivante dalla difficoltà di gestire eventi stressanti, avvenimenti traumatici o la sempre più consueta difficoltà dovuta al vivere in una condizione di sovra esposizione a molteplici attività. In particolare possono trovare un giovamento anche di tipo professionale gli operatori delle professioni di aiuto, mediche, psicologiche, sanitarie, coloro che operano nella scuola o nelle organizzazioni con ruoli manageriali”.

 

 

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.

Ti è piaciuto questo articolo?

Scopri e leggi altri articoli sulla Rivista Vivi Consapevole in Romagna!
Vai alla Rivista

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *