post-title Perché mi sono innamorato di Macrolibrarsi

Perché mi sono innamorato di Macrolibrarsi

Perché mi sono innamorato di Macrolibrarsi

Perché mi sono innamorato di Macrolibrarsi

Intervista a Francesco Angelo Rosso

A cura della Redazione

Mi piacerebbe scrivere un’introduzione dove viene raccontato chi è “la mente che sta dietro” Macrolibrarsi. Per questo ti chiedo: chi è Francesco Angelo Rosso?

Sono nato nel 1985 in una piccola e tranquilla casa di campagna, senza medici e senza ospedale. Sono stato allattato al seno, ho mangiato biologico e naturale fin da subito, schivato le vaccinazioni, le medicine, la tv e il conformismo.
Inizialmente ho vissuto uno stile di vita alternativo grazie ai miei genitori poi è naturalmente diventato parte di me così profondamente che sento sempre più la necessità di far conoscere al mondo che esiste un modo migliore di vivere in armonia con la natura e con noi stessi.
 Amo profondamente il mio lavoro, poter esprimere la mia creatività e la mia organizzazione nei progetti che creo o che amministro. Mi piace camminare nei boschi, fare snowboard sulla neve fresca, lo yoga, la lettura, esplorare nuovi posti e mangiare cibo buono e salutare.

Quando e come è nata in te la passione per la natura e il mondo del benessere?

A 7 anni le istituzioni decisero che non potevo andare a scuola in quanto non vaccinato e pericolo per gli altri alunni vaccinati. Per 2 anni la mia scuola divennero i boschi intorno a San Martino di Sarsina. Ogni giorno facevo lunghe camminate per i boschi insieme ai miei cani. Era bellissimo. Mi innamorai della natura. La natura è bella, è rilassante, è rinvigorente, è la nostra casa…
Vedo sempre più persone malate, tristi, depresse, insoddisfatte e sempre più scelte collettive che stanno portando la nostra civiltà all’autodistruzione. Ho imparato fin da piccolo che è possibile vivere meglio. Sono sano e soddisfatto della mia vita, mi piacerebbe che chi mi circonda capisse che non è normale essere malati e che avvicinandoci alla natura è possibile guarire noi stessi e la nostra civiltà. Mi piacerebbe che tutti potessimo lavorare insieme per vivere in comunione invece che in competizione con noi e con la natura.

Mi innamorai della natura. La natura è bella, è rilassante, è rinvigorente, è la nostra casa

Ti chiedo di parlarmi un po’ di Macrolibrarsi: cosa significa per te?

Sono innamorato di Macrolibrarsi, la vivo come un figlio. Ho preso le redini dell’azienda nel 2006, eravamo in 7 persone, oggi siamo in 60. Il nostro obiettivo è quello di creare un mondo di persone consapevoli e in salute diffondendo conoscenze e prodotti per il benessere del corpo, della mente e dello spirito.
La coerenza e la perseveranza in ciò che siamo e ciò che facciamo è ciò che più di tutto ci contraddistingue nel nostro lavoro.

Macrolibrarsi si definisce un’azienda etica. Perché? Quali sono le decisioni e le azioni che confermano questa sua caratteristica?


Siamo un’azienda che oltre a perseguire obiettivi di carattere economico mira anche obiettivi di carattere sociale. Per noi è centrale l’armonia di chi lavora all’interno dell’azienda, contribuire a progetti di solidarietà, avviare noi stessi progetti legati alla sostenibilità ambientale, alla salute e al benessere comunitario: con gli utili generati dall’attività principale finanziamo altri progetti come La Fattoria dell’Autosufficienza, Vivi Consapevole, Vivi Consapevole in Romagna, l’Associazione Larico e vari eventi e iniziative nel territorio.
 Il timone dell’azienda e le principali decisioni aziendali non sono mossi dalla massimizzazione dei profitti come la teoria economica vorrebbe ma dalla concretizzazione dei nostri valori: coerenza, eccellenza, benessere, etica ed innovazione.

Perché avete deciso di credere nel progetto Vivi Consapevole Romagna?


Vogliamo diventare leader culturali del nostro territorio e portare la Romagna a diventare famosa nel mondo non solo come regione economicamente prospera ma soprattutto come regione ecologicamente sana.

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.

Ti è piaciuto questo articolo?

Scopri e leggi altri articoli sulla Rivista Vivi Consapevole in Romagna!
Vai alla Rivista

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *