post-title Welfare Aziendale: quando il lavoro si concentra sul benessere delle persone

Welfare Aziendale: quando il lavoro si concentra sul benessere delle persone

Welfare Aziendale: quando il lavoro si concentra sul benessere delle persone

Welfare Aziendale: quando il lavoro si concentra sul benessere delle persone

A Cesena Welfare Gratis si occupa di fornire servizi a tutte le aziende del territorio interessate a questo nuovo modello lavorativo

Luigi Angelini

Il Welfare Aziendale è un nuovo modo di vivere il lavoro, legato al benessere dei dipendenti e mirato alla loro piena soddisfazione. Si tratta nello specifico dell’insieme di tutti i benefit e servizi messi a disposizione dall’Azienda e che tendono a migliorare la vita privata e lavorativa del dipendente e della sua famiglia e al tempo stesso, godendo di una totale esenzione fiscale e contributiva, riducono i costi aziendali.

La normativa in corso per il Welfare Aziendale

L’Art 51 del TUIR disciplina la Determinazione del Reddito di Lavoro Dipendente e anche le relative esclusioni dalla tassazione. Le leggi di Stabilità 2016 e 2017 nella nuova formulazione della lettera f dell’art 51 del TUIR dispongono che non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente una serie di voci riferibili a servizi di Welfare aziendale come le somme, i servizi e le prestazioni erogate dal datore di lavoro in maniera volontaria o in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale, offerti alla generalità dei dipendenti o a loro categorie e loro familiari.

L’erogazione dei benefit in conformità a disposizioni di contratto, di accordo o di regolamento che configuri l’adempimento di un obbligo negoziale, determina la deducibilità integrale dei relativi costi da parte del datore di lavoro ai sensi dell’art.95 del TUIR e non solo nel limite del 5 per mille del totale, secondo quanto previsto dall’art 100 del medesimo testo unico. Tale limite di deducibilità continua a operare invece, in relazione alle ipotesi in cui le opere e i servizi siano offerti volontariamente dal datore di lavoro.

Lo Stato quindi invita le aziende a erogare premi aziendali sotto forma di servizi: il premio viene decontribuito e detassato totalmente e i lavoratori ne trarranno vantaggio economico percependone la totalità, mentre prima ci pagavano i contributi. Per fare un esempio pratico: se per un premio teorico di 1000 euro, l’azienda sostiene un costo fino a 1600 euro mentre al dipendente ne rimangono circa 700, passando dal welfare aziendale gli stessi 1000 euro rimarranno invariati: 1000 come costo aziendale e 1000 spendibili sottoforma di beni e servizi dal dipendente.

Welfare Gratis: local welfare tailor made

In questo quadro si colloca Welfare Gratis, piattaforma locale nata a Cesena per l’erogazione di strumenti di welfare, completamente gratuita e operante principalmente in Romagna. Su Welfare Gratis sono presenti sia convenzioni con i migliori fornitori nazionali (Amazon, Ikea, buoni Conad, buoni benzina ecc.), ma anche il dentista, i ristoranti, la SPA, le terme, il cinema, i parchi, i libri e le riviste e sono tutti accanto all’azienda o alla residenza dei suoi dipendenti, con l’obiettivo di soddisfare chi beneficia del portale e dare nuova luce al nostro territorio.

Come funziona

Il meccanismo è molto semplice: le aziende che vogliono erogare premi o benefit ai propri dipendenti contattano la piattaforma che crea un portafoglio virtuale associato all’indirizzo mail del proprietario. Il portafoglio può essere speso comprando subito i servizi impiegati o rendicontando spese per l’istruzione dei figli, il mutuo di casa o le spese sanitarie degli anziani. In più ogni dipendente può richiedere un servizio vicino a casa o all’ambiente di lavoro e la piattaforma si impegna entro un mese a contattarlo e proporre il convenzionamento. Così il Welfare diventa un catalizzatore di benessere e un’ottima opportunità per le imprese, anche più piccole, di aumentare la competitività riducendo il costo del personale da un lato e dall’altro incrementare il senso di appartenenza dei lavoratori.

“Crediamo fortemente che avere dipendenti sereni sia sul luogo di lavoro che a casa permetta di creare un ambiente di lavoro dal quale nessuno vorrà separarsi, la nostra mission è in primis la felicità delle persone”. Ed è dalle parole del suo CEO Luigi Angelini che è palpabile quanto il benessere di lavoratori, Aziende e fornitori sia insito nella natura del progetto

Progetto che ha già ottenuto ottimi risultati: oltre 100 piattaforme create ognuna con i suoi dipendenti e portafogli virtuali già spendibili. «Abbiamo scelto di partire da qui perché convinti che una persona soddisfatta generi un continuo processo di fidelizzazione, fiducia e ne conseguano una serie di aspetti molto positivi. Ci interessa avere un’azienda sana che possa fare utile, ma soprattutto ci siamo accorti che possiamo fare un lavoro in cui tutti risparmiano dei costi e possono stare meglio».

Quali i vantaggi di una piattaforma locale di Welfare?

I vantaggi sotto diversi punti di vista sono molteplici:

  • per il lavoratore che non vedrà decurtato il premio che gli spetta e potrà scegliere tra un ventaglio di proposte su misura
  • per l’azienda che aderirà al portale, in quanto soggetta a un evidente risparmio fiscale
  • per i fornitori che ne faranno parte, poiché inseriti su un circuito di vendita online in cui sono già presenti centinaia di aziende ognuna con i suoi dipendenti
  • e in generale per il nostro territorio, per la sua riqualificazione e un suo costante sviluppo.

Una soluzione che fa bene al dipendente, ma anche all’economia aziendale e territoriale.


Luigi Angelini

Imprenditore cesenate, nel 2000 fonda Media Consulting, società di Web Marketing che studia progetti ad hoc per e-commerce o turismo, nel 2011 realizza Tippest il portale di couponing che si snoda tra Emilia Romagna, Marche e Veneto. Dal 2017 esce con Welfare Gratis, la piattaforma di riferimento di Welfare Aziendale in Romagna.

 

 

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.

Ti è piaciuto questo articolo?

Scopri e leggi altri articoli sulla Rivista Vivi Consapevole in Romagna!
Vai alla Rivista

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *