Cambia prospettiva

Cambia prospettiva

Ciò che non vedi, già esiste

Romina Alessandri

Qualche tempo fa ho visto un film particolare.
Raccontava di un mondo futuristico post-nucleare, in cui le poche persone rimaste vivevano nascoste fra macerie di città fatiscenti, in un clima di rassegnazione e tristezza. Nessuno aveva più motivi di vivere e andare avanti, non
c’erano speranze per il futuro. Alcuni giovani ragazzi avevano però trovato un sistema elettronico ancora funzionante che permetteva loro di collegarsi alla realtà virtuale e, grazie a questo, vivevano una vita parallela alla realtà entrando in un gioco di ruolo.

Ognuno poteva creare il proprio alias ed entrare virtualmente in un mondo fatto di labirinti macchiavellici, di gare in moto sfrenate e manovre impossibili da portare a termine visti gli ostacoli difficilissimi.
Dopo oltre 5 anni e migliaia di tentativi nessuno era riuscito a superare il primo livello e quasi tutti stavano abbandonando l’unico gioco che in qualche modo teneva in vita l’entusiasmo dei ragazzi.
Poi a un certo punto del film, uno dei protagonisti ha finalmente un’intuizione: alla partenza della solita gara di
moto, fra migliaia di partecipanti, invece di partire resta fermo.

Quando gli altri concorrenti sono partiti innesca la marcia indietro e sgomma verso quello che apparentemente è
un muro dietro di lui… Ma invece di schiantarsi apre magicamente il portale di accesso al livello successivo.

Non sempre andare avanti a tutta velocità è la strategia giusta: a volte serve pensare, fermarsi, guardare le cose
da nuovi punti di vista e ripensarsi.
A volte bisogna avere abbastanza coraggio per mettere la marcia indietro, fare “rewind” e cambiare prospettiva, con un nuovo sguardo sul mondo.
Ogni volta che andare avanti ci sembra impossibile possiamo fermarci e provare a fare un passo indietro: può
essere di aiuto per vedere in modo diverso il futuro.

Abbiamo bisogno di sentire il profumo del passato per dare il giusto valore al presente».
DUMITRU NOVAC

 

 

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.