Cosa sei disposto a fare per il bene del tuo piccolo?

Cosa sei disposto a fare per il bene del tuo piccolo?

Cara mamma e caro babbo, nonna e nonno, sei ancora convinto che chi scrive sui giornali e chi parla in tv ti dica la verità? Se è così è meglio se smetti di leggermi.

Sono più di trent’anni che leggo, studio, osservo i miei figli e tanti altri bambini, seguo corsi e seminari, partecipo a conferenze e dibattiti. Per questo sul tema vaccini sento di potermi esprimere con una certa saggezza e autorevolezza, in maniera semplice e sincera.

 “I vaccini non hanno niente a che fare con la scienza, sono solo una questione di soldi, tanti tanti soldi”

Posso dirti tranquillamente che più studio i vaccini e più risulta evidente che quella cosa a cui noi attribuiamo il nome di “scienza”, forse pensando a Galileo e Leonardo, con i vaccini non ha niente a che fare.

Ho cercato come un disperato qualche esperimento scientifico in grado di dimostrare che i vaccini proteggono e che sono sicuri, ma è impossibile trovarlo.

L’efficacia e la sicurezza dei vaccini si basa solo su un atto di fede, e ovviamente ognuno è libero di scegliere la religione in cui credere.

Per me risulta impossibile credere che un miscuglio di sostanze chimiche, biologiche, geneticamente modificate e arricchite di conservanti, alluminio, mercurio, e moltro altro ancora, iniettate in 7 miliardi e mezzo di neonati possano fare più bene che male.

Chi si occupa di medicina sa che la cura va personalizzata perché siamo tutti diversi, persino due gemelli lo sono. Eppure ci vogliono far credere che i vaccini sono tutti uguali, non fanno male e vanno bene per tutti i neonati e i bambini del mondo, di qualunque razza e sesso, di qualunque gruppo sanguigno e eredità familiare, di qualunque età e stato di salute.

La prevenzione migliore è lo stile di vita sano e naturale, senza prodotti chimici e artificiali

Se hai letto queste pagine ti sarai reso conto che noi genitori rispetto alle multinazionali farmaceutiche siamo come un neonato di fronte al più formidabile e terribile dei giganti. Eppure se fai come ha fatto la mia famiglia, se siete uniti e sicuri, mi sento di garantirti che nessuno potrà vaccinare i tuoi piccoli.

I genitori che si prendono cura della salute dei loro bambini hanno ogni diritto di decidere liberamente.

Se decidi di vaccinare il tuo piccolo, è importante

Tenere un diario scritto di cosa succede alla salute del tuo piccolo e alla tua, dalla gravidanza in poi.

Tieni un diario giornaliero, anche fotografico, della salute del tuo bambino nelle settimane precedenti e in quelle successive a ogni vaccinazione. Questo è il modo migliore per accorgerti se qualcosa non va e rivolgerti a chi di fiducia: il tuo diario sarà sicuramente molto utile per intervenire al meglio. Ma ricordati di annotare ogni cambiamento importante, ogni piccolo o grave disturbo, gli orari, insomma tutto ciò che può risultare utile in caso di problemi.

Cosa fare se decidi di non vaccinare il tuo piccolo

In Romagna stanno nascendo tanti comitati di genitori, a Rimini come a Cesena e in altre città. Oppure ti puoi rivolgere al Comilva: www.comilva.org.

Contattaci, scrivici, raccontaci cosa hai vissuto, inviaci i tuoi suggerimenti e le tue domande: reteromagnola@viviconsapevole.it

Facciamo diventare la Romagna la prima regione amica dei bambini sani senza vaccini.

Per l’industria farmaceutica il benessere e la salute dei neonati sono irrilevanti rispetto ai guadagni che si possono ottenere

I vaccini sono il business perfetto, perché:

  • Sono farmaci ma vengono somministrati a chi è sano: decine di volte nel corso della vita e in numero sempre maggiore; a miliardi di neonati e adulti, praticamente tutta l’umanità.
  • Causano malesseri e disturbi ad almeno uno su due dei vaccinati, come peraltro indicato nei fogli informativi che accompagnano i vaccini. Malesseri e disturbi che produrranno altre prescrizioni di esami, farmaci e interventi sanitari.
  • I danni da vaccino vengono registrati malvolentieri e in minima parte, e manca qualunque tipo di controllo ben organizzato e continuativo.
  • Le multinazionali farmaceutiche hanno clienti sicuri (gli stati) e nessun rischio, perché le cause legali per i danni riportati dai pazienti sono a carico degli stati e non di chi produce i vaccini.
  • I vaccini, così come la chemioterapia, non sono sottoposti a esperimenti scientifici controllati, a differenza di quelli previsti per i farmaci.
  • I vaccini sono somministrati: per malattie ormai scomparse o rarissime; per malattie innocue, di cui si ingigantisce la pericolosità; per malattie incontrollabili (influenza, meningite, papilloma virus).

I vaccini sono il prodotto perfetto perché:

  • L’intera umanità è il loro cliente, e ogni nuovo nato è un nuovo cliente.
  • Tutti i potenti della terra sono i soci.
  • Medici e pediatri ne traggono vantaggio perché hanno più lavoro e più guadagni.
  • I fondi d’investimento e gli azionisti guadagnano dagli immensi profitti garantiti e senza rischio
  • I politici e i funzionari ricevono finanziamenti e appoggi, premi e regali.
  • I giornali e i mezzi d’informazione sono pagati dagli sponsor e di proprietà o al servizio dei potenti.

L’etica e la morale delle multinazionali è una sola: i soldi, i profitti e i dividendi

Non c’è differenza tra le industrie chimiche e quelle farmaceutiche, tra le multinazionali dei semi agricoli OGM e le industrie petrolifere e quelle delle armi: la loro avidità non conosce e non vuole limiti e confini.

Nei trattati del libero commercio, in America come in Europa e nel resto del mondo, le multinazionali impongono l’eliminazione di ogni limite etico e morale: ogni tipo di diritto umano e naturale che può disturbare o impedire la produzione e il commercio per l’ottenimento del massimo guadagno va eliminato, anzi va reso illegale.

Le multinazionali vogliono che sia istituito un tribunale sovranazionale che condannerà gli stati a rimborsare le industrie per i mancati guadagni a causa dell’applicazione delle leggi che difendono la salute e la vita dei cittadini, degli animali e l’ambiente.

Tutti i diritti dei lavoratori e i diritti umani sono da eliminare se contrastano con il diritto delle multinazionali di sfruttare tutto. È ciò che sta accadendo sotto i nostri occhi: oggi i 10 uomini più ricchi del mondo hanno un patrimonio maggiore dei 3 miliardi più poveri, forse possiedono ancor più degli imperatori e dei dittatori più famosi della storia umana!

 


Giorgio Gustavo Rosso

Editore e giornalista, ha fondato il Gruppo Editoriale Macro, da sempre è impegnato nella pubblicazione e divulgazione di testi che promuovono il rispetto dei diritti umani, l’approccio naturale alla salute e la corretta informazione su vari settori della conoscenza.

 

 

 

 

About La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.