Doposole: Cosa differenzia un tradizionale idratante da un Reintegratore Epidermico?

Doposole: Cosa differenzia un tradizionale idratante da un Reintegratore Epidermico?

Di prodotti cosmetici ne esistono tanti in commercio, e spesso diventa difficile orientarsi nella scelta di quelli più adatti ai propri scopi.

Parlando di Reintegratori Epidermici, ci si può rendere conto della loro grande utilità soltanto se si conosce il ruolo della barriera idrolipidica e di come essa sia coinvolta nella formazione dei principali inestetismi tipici dell’estate (macchie solari, avvizzimenti, nuove rughe).

Forse già sai che la pelle, durante l’esposizione solare, tende a produrre radicali liberi poiché viene coinvolta nel processo di perossidazione lipidica, un fenomeno che attacca i naturali lipidi cutanei.
Abbiamo più volte sottolineato l’importanza di applicare un Reintegratore Epidermico durante l’esposizione solare e della sostanziale differenza tra questa nuova classe di Fitocosmetici solari ed un tradizionale filtro solare.

Un filtro solare isola la pelle, ma non offre alcuna sostanza funzionale.
Un Reintegratore Epidermico fornisce alla pelle ciò che lei ‘perde’ durante l’interazione con il sole, riducendo i rischi di formare nuovi inestetismi.

Molti pensano che la pelle vada assistita esclusivamente durante l’esposizione solare, ignorando l’importanza che riveste un Reintegratore Epidermico dopo sole.

Fornire alla pelle sostanze antiossidanti e reintegrative di barriera anche dopo l’esposizione solare è invece fondamentale e permette di dissetarla in uno dei momenti di maggior bisogno, fornendole sostanze a forte azione antiossidante come la vitamina E.

Rispetto ad un dopo sole idratante tradizionale, un Reintegratore Epidermico combatte la perossidazione dei lipidi cutanei ed è realizzato con sostanze sebo-simili in grado di nutrire e ricostituire una perfetta barriera idrolipidica.
Questo accorgimento permette di riparare ad eventuali arrossamenti, aiuta a distribuire uniformemente la melanina riducendo il rischio di iperpigmentazioni (macchie solari).
La pelle viene inoltre tonificata grazie alla sinergia di fitocomplessi e delle piante officinali da agricoltura biologica contenute all’interno del Reintegratore Epidermico, apparendo così immediatamente più tonica e compatta.

Scegliere con cura i cosmetici che applichiamo fa la differenza nel medio lungo periodo

Ogni volta che applichiamo prodotti cosmetici non adatti, troppo pesanti o che contengono siliconi, sostanze isolanti e non compatibili con la pelle, corriamo il rischio di compromettere le sue risorse, le sue risposte adattive e la sua capacità di mantenersi al meglio anche dopo l’estate.

Applicare dopo l’esposizione solare un Reintegratore Epidermico, permette invece di arricchire la naturale barriera idrolipidica della pelle preservandola dai rischi di nuovi inestetismi di fine stagione, come macchie solari, secchezza cutanea e avvizzimenti.

Fior di Linfa Solare Reintegratore Epidermico Fase 3
tonifica immediatamente la pelle mentre fornisce al viso e al corpo una vera e propria integrazione, a livello della barriera idrolipidica, di oli vegetali ed acidi grassi essenziali che aiutano la pelle a mantenersi tonica, elastica e perfettamente nutrita.

Ecco alcuni prodotti consigliati che potete trovare sul nostro sito www.maryrose.it:

  • FIOR DI LINFA SOLARE
    Reintegratore Epidermico FASE 1
    COADIUVANTE ALL’ABBRONZATURA – Esalta le naturali funzioni epidermiche durante l’esposizione solare riducendo i rischi di nuovi inestetismi. Arricchisce la barriera idrolipidica e compatta la pelle, aiutando a  prevenire rughe ed inestetismi (senza filtri chimici e profumo, 100 % Vegano)
  • FIOR DI LINFA SOLARE
    Reintegratore Epidermico FASE 3
    REINTEGRATORE DOPOSOLE – Nutre, compatta e fornisce alla pelle elementi antiossidanti dopo l’esposizione solare (senza profumo, 100 % Vegano)

Pubbliredazionale scritto da Mary Rose

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.