Economia del bene comune e mercati biologici in Romagna

Economia del bene comune e mercati biologici in Romagna

Lo scorso sabato, 11 novembre, ci siamo rincontrati alla Fattoria dell’Autosufficienza per porre le basi di una nuova economia in Romagna.

I progetti dai quali abbiamo deciso di partire sono:

  • Economia del Bene Comune
  • Mercati biologici in Romagna

L’Economia del Bene Comune: cos’è?

È il movimento nato in Austria pensato per le aziende (ma che può essere portato avanti anche dalle famiglie), ispirato al modello economico alternativo proposto da Christian Felber, docente, economista, autore di saggi e libri sulla sostenibilità della crescita.

L’Economia del Bene Comune si basa sul concetto di non concorrenza. Le aziende e le persone collaborano al fine di perseguire un unico obiettivo: il maggior bene comune.

È un approccio nuovo, che prevede un codice etico condiviso e rispettato.

Nello specifico oltre al bilancio economico, un’azienda presenta anche un bilancio sociale del bene comune, molto particolare e dettagliato, che descrive il suo metodo di lavoro e la sua eticità.

Da questo bilancio si ricava un punteggio su cui viene definito uno sconto fiscale.

Migliore è il punteggio, meno tasse si pagano.

In più, essere certificati come azienda che segue l’Economia del Bene Comune porta un grande vantaggio in termini di identità dell’azienda.

Il mondo di oggi è governato dall’economia, un’auto guidata dal capitalismo.

Ci sta portando davvero dove vogliamo andare?

Se è vero che sosteniamo ciò che compriamo, è nostra responsabilità scegliere bene, con maggior consapevolezza.

Quando compro un prodotto chimico sostengo quel mondo lì. Se compro biologico, naturale, etico, allora sostengo un mondo diverso, e gli permetto di crescere.

Ricordiamoci sempre che sono le nostre decisioni a condizionare il nostro futuro, oltre che il nostro presente.

Per attuare l’Economia del Bene Comune anche qui in Romagna, è necessario istituire un gruppo che faccia da punto di riferimento per il territorio.

Sabato questo gruppo si è creato: sono stati Francesco Angelo Rosso, Hubert Bosch, Eleonora Tassani, Fabio Cappelletti, Lucilla Satanassi, Michela Francia e Davide Fabbri a rispondere all’appello e dare la loro disponibilità.

Il primo compito del gruppo è impostare un piano di lavoro dettagliato per fare rete, contattando e ricevendo le richieste di aziende e privati che hanno la volontà di avvicinarsi all’Economia del Bene Comune.

Se anche tu vuoi maggiori informazioni sull’Economia del Bene Comune, scrivi a info@viviconsapevoleinromagna.it e ti invieremo tutto il materiale a nostra disposizione.

In più, sei invitato a partecipare al prossimo incontro del tavolo ECONOMIA che si terrà sabato 20 gennaio, alle ore 15.00 a Dovadola (FC).

 

Mercati biologici nelle piazze di Romagna

L’obiettivo è grande, davvero grande: istituire una moneta complementare locale.

Proprio come il Sardex in Sardegna, un esempio di aiuto reciproco che dimostra il forte senso di appartenenza alla comunità dei Sardi.

Per arrivare lì, oltre a sostenere l’economia del bene comune, bisogna partire dalle basi.

Il mercato in piazza è una di queste basi.

A Forlimpopoli, ogni giovedì dal 2009, un angolo del mercato settimanale è stato dedicato alla SOLA produzione biologica. Pane, miele, frutta e verdura, formaggi, tutto biologico certificato.

L’iniziativa è portata avanti dall’associazione Antichi mestieri e Vecchi sapori rinominata Romagna BIO che ha l’obiettivo di riproporre questo modello di “bio market” in tutti i comuni della Romagna.

Anche Vivi Consapevole in Romagna condivide lo stesso obiettivo. Il caso vuole che Fabio Cappelletti, presidente dell’associazione Romagna Bio, faccia parte del tavolo ECONOMIA che si è incontrato sabato scorso. Grazie alla sua preziosa collaborazione, ci uniremo per riportare i mercatini biologici nelle piazze di Romagna.

Ps. al caso, non ci crediamo!

Un mercato non è solo un luogo dove andare a comprare qualcosa.

È il modo per conoscere di persona da dove provengono gli ingredienti e stringere la mano ai produttori. Fare due chiacchiere e ridere insieme.

In fin dei conti, la fiducia, si costruisce proprio così.

 


Sei interessato anche tu e vuoi entrare a far parte del gruppo operativo del TAVOLO ECONOMIA?

Scrivi a info@viviconsapevoleinromagna.it e iscriviti al gruppo Facebook CAMBIAMO LA ROMAGNA per rimanere aggiornato su tutti gli sviluppi. 


Prossimo incontro tavolo ECONOMIA:

sabato 20 gennaio, dalle 15.00 alle 18.00

Via 25 aprile n. 22, Dovadola (FC)

Ti aspettiamo!


Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.