Educazione green per crescere un figlio in Romagna

Educazione green per crescere un figlio in Romagna

 

Essere genitori non so ancora com’è!

Spero un giorno di essere una brava mamma, ma al momento l’unica cosa che posso immaginare e provare a capire è come si sono sentiti mia madre e mio padre a crescere me e mia sorella per più di un quarto di secolo. Non deve essere stato facile affrontare tutto ciò che si sono trovati davanti, supporre e scommettere ogni volta su quale potesse essere la scelta migliore per noi. Il prossimo anno festeggio il mio primo trentennio e se penso ai miei prossimi trent’anni una domanda mi sorge spontanea: “Ma quando toccherà a me? Quando sarò io a dover prendere tutte quelle decisioni? Come sarà crescere un bambino?”.

Educazione green: la Romagna dice sì!

Da quando collaboro con il progetto Vivi Consapevole in Romagna ho avuto il piacere di conoscere alcune realtà particolari, che sviluppano l’educazione e l’evoluzione dei più piccoli con metodi alternativi a quelli convenzionali. Si dedicano ad attività che ricordano quelle proposte nei Paesi del Nord, dove la pioggia non impedisce le gite all’aria aperta e il contatto con la natura ha un ruolo radicato in ogni percorso di crescita.

Voglio condividere con voi ciò che ho conosciuto di queste realtà, così chi è genitore può scoprire possibilità nuove molto interessanti e chi lo diventerà, può farsi un’idea delle proposte che il mondo scolastico green offre, diversamente da quello tradizionale.

Sto parlando di asili nel bosco, scuole parentali dove anche i genitori si mettono in gioco e imparano insieme ai figli, asili nido bilingue e baby camp. Ecco i nuovi progetti educativi che in Romagna stanno prendendo piede giorno dopo giorno. Ad accomunarli è la ricerca del contatto. Quel contatto prezioso che, in fondo, un pochino abbiamo perso, quel legame indissolubile che ci rende figli della Terra e fratelli di tutti gli altri esseri viventi.

Zuccabà: la “scuolina” per chi ama la natura

Zuccabà è il progetto educativo alternativo alla scuola convenzionale, sviluppato e realizzato dall’Associazione Soffiditerra di Cesena.

È aperto a tutti i bambini dai 2 agli 11 anni: a disposizione dei bimbi una casa immersa nel verde, nelle colline tra Forlì e Cesena dove i piccoli hanno la possibilità di giocare, apprendere e sperimentare in modo dinamico e più naturale.

Tutto è a misura di bambino: lo spazio sia dentro che fuori è propositivo, affinché lo sviluppo di tutte le attività sia più attento, consapevole e stimolante. La pedagogia si mescola così alla natura e all’outdoor education. Il progetto si fonda su princìpi ben precisi: comunicazione sana, efficace e non violenta tra bambini, e tra adulti e bambini, libertà di scelta, così il bambino può muoversi liberamente nello spazio e nelle decisioni, seguendo le sue sensazioni e i suoi bisogni naturali.

In più, l’apprendimento esperienziale: l’esperienza diretta è l’unica capace di mettere in contatto il bambino con il mondo che lo circonda.

Lo dimostrano le gite nel bosco per scoprire l’orto e avvicinarsi agli animali: il bambino ristabilisce quel legame intimo con la natura e la propria curiosità. Anche una caduta o un piccolo incidente possono servire come possibilità di apprendimento, dove dall’imprevisto si possono cogliere spunti e riflessioni per la ricerca e stimolare la capacità di risollevarsi con le proprie forze.

«Crediamo nella necessità di creare una nuova scuola – ci spiega Elena Campacci, responsabile del progetto Zuccabà – crediamo in un ambiente educativo innovativo che possa assolvere il compito di educare con coscienza, che sappia crescere individui consapevoli e felici, attenti a uno sviluppo integrale di sé, capaci di conoscere, riconoscere e rispettare la propria natura e quella dei propri simili. Crediamo in un’educazione integrale che dà spazio a tutte le competenze del bambino (cognitive, emozionali, sociali, pratiche, ecologiche, motorie, spirituali e artistiche) e permette lo sviluppo di una crescita equilibrata e di un’autostima forte. Per questo riteniamo fondamentale educare “a essere” e non “a dover essere. Il progetto Zuccabà – continua Elena – rientra all’interno di una visione olistica più ampia e vuole essere educante per l’intera comunità, uno spazio capace di introdurre il bambino e l’adulto a un rapporto creativo con il mondo. La casa di Zuccabà diventa così un luogo in cui le persone s’incontrano, le associazioni collaborano e la comunità partecipa».

Pizzicalaluna: dove anche il genitore è chiamato a mettersi in gioco

Pizzicalaluna è il progetto educativo per bambini dai 2 ai 6 anni, nato dall’iniziativa di alcuni genitori che hanno deciso di investire, a titolo gratuito, tempo, risorse ed energie per partecipare attivamente al percorso di crescita del proprio figlio.

«Alcuni di noi hanno scoperto il mondo della scuola parentale per caso, altri ne erano a conoscenza ancora prima di diventare genitori. Ci siamo ritrovati con le nostre paure, dubbi, perplessità e quel pizzico di sana follia che a volte fa capolino nella vita e abbiamo deciso che potevamo cambiare il mondo… il nostro perlomeno!». Sono queste le parole della dottoressa Enrica Sansavini, che insieme ad altri genitori ha sviluppato l’idea fino a farla diventare realtà. «Pizzicalaluna si basa sul rispetto dell’individualità di ogni singolo bambino – continua Enrica, a nome di tutto il gruppo fondatore di Pizzicalaluna – affinché ognuno possa affrontare l’apprendimento a proprio modo, con maggiore consapevolezza e disponibilità a imparare. Come gruppo di genitori desideravamo una realtà che rispettasse veramente la singolarità, i tempi di crescita e il desiderio di scoperta dei bambini, oltre a offrire un ambiente stimolante e curato, con laboratori di yoga e musica ogni giorno. Trovo che la ricchezza del nostro progetto stia nella partecipazione delle famiglie e nella libertà di sperimentare, ma anche nella serenità di avere un’equipe educativa formata da insegnanti esperti e dalla pedagogista Marcella Ortali, che collaborano nella progettazione dell’ambiente e nello strutturare un percorso didattico».

Il contatto con la natura ha un ruolo determinante anche in questo progetto: i bambini esplorano continuamente la realtà, la toccano con le loro mani e imparano a riflettere sulle proprie esperienze descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri.

La curiosità sui fenomeni naturali e sugli altri esseri viventi si accende sempre di più, e così l’immaginazione. Una pozzanghera può diventare il mare, un forellino nella terreno l’occasione per fantasticare su un mondo sotterraneo, nascosto ai nostri occhi. Ovviamente gli insegnanti sono lì, vigili e attenti alla loro incolumità, ma questo non impedisce ai piccoli di esprimersi fisicamente, arrampicandosi, salendo e scendendo da una cunetta, giocando con fango e terra.

La conoscenza del mondo passa anche dalla conoscenza di odori, colori e tutto ciò che la natura offre, ricordiamocelo. In questo modo l’identità e l’autonomia di ogni bambino vengono potenziate più serenamente e la fiducia in sé cresce.

«I bambini sono il nostro futuro e la ragione più profonda per conservare e migliorare la vita comune sul nostro pianeta. Sono espressione di un mondo complesso e inesauribile, di energie, potenzialità, sorprese e anche di fragilità che vanno conosciute, osservate e accompagnate con cura, studio, responsabilità e attesa» conclude la dottoressa Sansavini.

Be Baby Nido: biologico e inglese  si imparano insieme!

Il nido d’infanzia Be Baby Nido si trova a Calisese, in una zona molto tranquilla, a pochi km da Cesena. 100 m2 di giardino con arredi naturali, giochi e piante da frutto sono il fiore all’occhiello di questa realtà scolastica davvero molto particolare, lontano da strade trafficate e smog cittadino. Tutto al Be Baby Nido è stato progettato per rendere l’ambiente accogliente e adatto per un bambino, a partire dagli ambienti interni ed esterni, dove colori e materiali esprimono ospitalità e tranquillità, oltre a rispettare le norme vigenti in materia di edilizia e sicurezza.
Una piccola realtà, un’unica sezione, dove il clima è molto familiare e l’attenzione è rivolta al rispetto dei tempi personali di sviluppo, di crescita, di sonno e di ambientamento di ogni singolo bambino. Sono presenti anche una sala attrezzata e una piscina di palline, interamente dedicate allo sviluppo psicomotorio dove i bambini si divertono, giocano scoprendo il proprio corpo in interazione con gli altri e con lo spazio. Ma non finisce qui!

La cultura del biologico e del naturale rientra nello stile del nido: i menù sono attenti alla stagionalità e alla qualità, i prodotti scelti per la pulizia degli ambienti e la cura dei bambini sono attentamente selezionati; gli elementi naturali, gli utensili di casa e i materiali di riciclo entrano a far parte del gioco del bambino.

Be Baby Nido coinvolge i più piccoli anche in un’altra attività, che ha riscosso molto successo: imparare l’inglese! Attraverso giochi, canzoncine e conversazioni, i bambini scoprono una nuova lingua. La mente di un bambino è intatta e questo permette un apprendimento molto veloce: la diversa musicalità e la complessità di un’altra lingua risultano più semplici se introdotti sin dall’infanzia. Tutto è semplice e naturale se il metodo scelto è: il Piacere di Essere e di Fare.

Per i genitori di adesso, per i genitori che verranno

Come disse Maria Montessori, «Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l’uomo».

Crescere un bambino significa crescere un pezzetto di mondo. Sì, dico davvero!

Immaginate tutte le persone che conoscerà vostro figlio, a tutti i luoghi in cui lascerà un ricordo, e tutte le sue idee che potranno cambiare anche solo di poco il mondo, o di tanto non si sa. Pensate a tutti gli abbracci che condividerà, a tutte le mani che stringerà o a tutte le orecchie che ascolteranno i suoi pensieri…

Avere un figlio significa essere parte, una parte molto importante, di una serie di variabili che avranno conseguenze su migliaia di persone. Sarà bellissimo e allo stesso modo terrificante. Ci farà sentire la persona più forte del mondo, ma anche la più fragile, pronta a tutto per proteggerlo, disposta ad ancora di più per non perderlo.
In ogni suo gesto ci sarà un po’ di noi. Ci sarà un po’ del nostro sorriso e un qualcosa che ci ricorderà di quanto si assomigliano i nostri sguardi. Ci saremo. Saremo anche nello sguardo dei suoi figli, dei suoi nipoti. Sarà questo che ci renderà immortali. Un pezzo di noi, rimarrà in lui. E allora… Il consiglio che mi sentirei di dare è questo: cerchiamo di lasciargli il nostro pezzo migliore!

«Sviluppare la mente è importante,

ma sviluppare una coscienza è il dono più prezioso che i genitori possano fare ai figli».

John Edward Gray

 

Contatti

Zuccabà

Tel: 342 893 4338

Email: zuccabaeducazione@gmail.com

Facebook: Zuccabà

 

Pizzicalaluna

Indirizzo: Cesena, Via Arno 200

Tel: 371 1727401

Email: pizzicalaluna.info@gmail.com

Sito: www.educazioneparentalefc.net

Facebook: Pizzicalaluna

 

Be Baby Nido

Indirizzo: Calisese (FC), Via Malanotte 380

Tel: 0547 314804

Email: licia.sara@bebabynido.it

Sito: www.bebabynido.it

Facebook: Be Baby Nido, Bio & English


A cura di Valentina Balestri

Valentina Balestri

Chi sono? Sono tutte le persone che ho incontrato, tutte le scelte che ho fatto, tutto ciò che i miei occhi hanno visto e le orecchie sentito, e sono follemente innamorata della vita.

In più sono il sogno che ho: SCRIVERE.

Giornalista per la rivista Scienza e Conoscenza e per il progetto Vivi Consapevole in Romagna, laureata in Economia e Commercio, diplomata in Agraria e con l’anima da “filosofa”, mi considero una persona sempre alla ricerca.

Romagnola D.O.C e cittadina del mondo, amo viaggiare, leggere, esplorare, perché la necessità di comprendere questa vita e la curiosità nel viverla sono sempre state fortemente presenti in me.

«Il mondo è pieno di cose che aspettano di essere trovate. Io faccio questo!» (Cit. Pippi Calzelunghe)


 

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.