Un’estate in giro, in cerca di fresco

Un’estate in giro, in cerca di fresco

Voglia di Aria buona, acqua fresca, profumo di bosco e silenzio? Riscopri le cascate romagnole!

  • Cascata dell’Alferello

DOVE SI TROVA     

È nei pressi di Bagno di Romagna, proprio al limitare del Parco delle Foreste Casentinesi. È chiamata anche Cascata delle Trote perché ce ne sono molte lungo il corso del torrente. Ha un’altezza di ben 32 metri quindi è davvero monumentale!

Come raggiungerla? Basta inoltrarsi a piedi dal centro abitato di Alfero su un percorso di circa 25 minuti. E chiedete info ai gentilissimi abitanti!

Sito consigliato: www.fumaioloturismo.it

  • La Cascata degli Scalandrini

DOVE SI TROVA

È vicino a Bagno di Romagna nella Valle della Lama, nel cuore del Parco delle Foreste Casentinesi.
Servono circa 40 minuti di cammino lungo il sentiero 227 con partenza dal Rifugio dei Fangacci. Incontrerai un ponticello di legno in cima della cascata, poi scendendo sugli scalini di roccia (gli Scalandrini appunto) si arriva fino alla base della cascata.
E Preparati… da qui si gode uno spettacolo mozzafiato!

Siti consigliati: casentinoselvaggio.it – www.bagnodiromagnaturismo.it

  • Cascata dell’Acquacheta

DOVE SI TROVA

Si parte dall’abitato di San Benedetto in Alpe e si raggiunge solo attraverso una escursione di un paio d’ore che risale la valle raggiungendo, appena a monte della cascata, la suggestiva Piana dei Romiti con i ruderi dell’antico borgo. Il sentiero ha inizio dal primo tornante della strada che da San Benedetto conduce a Marradi.  Tutto il sentiero è percorribile facilmente, percorso abbastanza largo e ben segnalato.

L’Acquacheta è il più importante affluente del Montone e fa un salto di oltre 70 metri nell’omonima cascata. La cascata di Acquacheta è stata descritta anche da Dante nel XVI canto dell’Inferno.
E 70 metri di cascata… da non perdere!

Siti Consigliati: www.parcoforestecasentinesi.it

  • Cascata di Civorio

DOVE SI TROVA

Vicino a Civitella di Romagna e San Piero in Bagno. Bisogna dirigersi verso il piccolo borgo di Civorio e Spinello. È possibile parcheggiare al piccolo parcheggio sterrato alla fine del paese di Civorio oppure proseguire un poco e parcheggiare lungo la strada. Se andate il sabato o la domenica in estate sicuramente vedrete un sacco di macchine parcheggiate sulla strada e potrete seguire le persone verso il sentiero… Si prende poi il sentiero CMF 001 (ben segnalato) in discesa e in cinque, dieci minuti si arriva alla Cascata di Civorio.
È un posto fantastico dai colori mozzafiato: l’acqua ha un colore verde, azzurro ed è trasparente!

Siti Consigliati www.fondoambiente.it/luoghi/cascata-di-civorio

  • Cascata al Mulino di Culmolle

DOVE SI TROVA

Nei pressi della cittadina di Santa Sofia (FC) che offre quattro punti principali da cui partire per godersi il fiume Bidente: per raggiungerli bisogna prendere la strada che collega Santa Sofia a San Piero in Bagno, percorrerla circa 1,5 km e svoltare al bivio per Poggio Alla Lastra, Ca’ di Veroli, Mulino di Culmolle.

La cascata è presso il Mulino di Culmolle dove le acque del Bidente si tuffano da un muraglione alto una decina di metri. Le indicazioni per il mulino si trovano molto bene: il bivio è a circa 2,5 km dall’inizio della strada e vi si giunge dopo altri 1,5 km.

Parcheggiate nello spiazzo a destra non appena vedete il ponte con le assi di legno, proseguite a piedi tra gli edifici del mulino (oggi è un bell’agriturismo) e scendete a sinistra nel viottolo prima dell’ultimo edificio.
E Aprite gli occhi! la cascata apparirà di fronte a voi!

Per ottimi consigli di passeggiate e trekking sul sito: irintronauti.altervista.org

  • Cascata di Premilcuore 
e Grotta Urlante

DOVE SI TROVA

Si può arrivare al bel paesino di Premilcuore e da lì risalire il fiume. Vicino al paese c’è l’Agriturismo Ridolla e partendo da lì per arrivare alla Grotta Urlante c’è circa 1 km. Appena scesi verso il fiume (c’è un sentiero) si trova un’ampia piscina naturale creata grazie a una chiusa. Nella vicinanza troverete numerose aree per pic-nic con tavolini e perfino barbecue!
Risalendo, il fiume Rabbi si inalvea in uno splendido gorgo, la Grotta Urlante, una cascata che scende lungo una serie di massi e che si riversa infine in una profondissima pozza, sotto un antico ponte in pietra del XVII secolo (Ponte Nuovo). E All’interno della grotta c’è anche una corda che vi permetterà incredibili tuffi!
Discendendo poi il fiume verso il paese di Premilcuore si incontrano anche una serie di belle piscine naturali ombrose e verdi. Dopo circa 1Km si trovano la Cascata della Sega, una cascata doppia, e La Seghina, più piccola ma comunque affascinante.

Per altri ottimi consigli di passeggiate e trekking: www.irintronauti.altervista.org

  • Cascate della Brusia a Bocconi

DOVE SI TROVA

In località Bocconi, frazione di San Benedetto in Alpe comune di Portico. Le cascate, le rocce sovrastanti disposte a strati e la purezza dell’acqua, rendono estremamente suggestiva la balneazione in questa zona naturale del Forlivese.
Dal paese di Bocconi si scende a piedi verso il fiume lungo un bel percorso nel bosco.
Arrivati ci si troverà in una zona pianeggiante di fronte alla cascata, dove è possibile sedersi per un bel pick nic!

Siti Consigliati: www.emiliaromagnaturismo.it

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.