Festa dell’Ecologia: Sarsina si colora di verde

Festa dell’Ecologia: Sarsina si colora di verde

Un’intera comunità dedicata all’Ecologia, per ricordare a tutti che il futuro del mondo dipende da noi

Alberto Bartolini

Il 29 settembre a Sarsina si è tenuta la prima Festa dell’Ecologia in Romagna.

Un’esperienza indimenticabile che ha riunito grandi e piccini in un contesto unico e suggestivo, colorato da cartelloni e sorrisi, per celebrare l’ambiente e la natura e ricordarci quanto l’unico pianeta che abbiamo ha bisogno del nostro rispetto.

Perché organizzare una Festa dell’Ecologia?

Il 29 luglio 2019 è stato raggiunto l’Earth Overshoot Day, ossia il giorno in cui l’uomo ha consumato tutte le risorse disponibili per l’intero anno. Dal 30 luglio sta già utilizzando quelle del 2020. In altre parole, l’umanità necessità di 1,75 pianeti Terra per far fronte ai propri bisogni.

Ecco perché è estremamente importante che ciascuno di noi faccia la propria parte per la salvaguardia dell’unico Pianeta su cui viviamo e che fino a ora abbiamo trattato come un gigante magazzino.

L’Uomo si è talmente distaccato dalla Natura, da arrivare a pensare, non solo di non farne parte, ma bensì di poterla sfruttare a proprio piacimento per trarne profitto; NON preoccupandosi poi delle conseguenze del proprio comportamento.

Da qui deriva la necessità di organizzare una giornata con l’obiettivo di porre attenzione verso tematiche che a oggi sono più importanti che mai come l’Ecologia e il Rispetto per l’Ambiente, partendo dai più piccini fino ad arrivare agli adulti.

In modo tale che l’Uomo si elevi dallo stato di predatore a quello di custode del Pianeta, della Natura e della Vita!

Perché proprio a Sarsina?

Io sono nato a Sarsina, amo il mio paese, e proprio a questo luogo volevo regalare la prima Festa dell’Ecologia. Come l’associazione “Vivi Consapevole in Romagna” vuole essere un esempio di sostenibilità ed etica per le altre regioni, il mio sogno è che Sarsina faccia lo stesso per i comuni limitrofi e non solo. Ad aprile ho esposto il progetto al Sindaco Enrico Cangini e all’assessore Maria Vittoria Cesaretti, che non smetterò mai di ringraziare per l’entusiasmo e la collaborazione. Hanno creduto in me, dandomi la possibilità di concretizzare quella che era solamente un’idea nella mia testa.

Come è andata la festa?

Non ho altre parole se non “un sogno diventato realtà”. È stato tutto perfetto. La partecipazione ha superato le aspettative e persino la Natura ci ha messo lo zampino, regalandoci una giornata splendida.

All’entrata di piazza S. Francesco, le persone sono state accolte dai meravigliosi cartelloni a tema realizzati da bambini e ragazzi delle scuole materne, elementari e medie di Sarsina e Ranchio.

Il mercatino di artigiani e produttori locali ha fatto da cornice a conferenze per adulti e laboratori per bambini.

Camminata ecologica: sempre un grande successo

L’evento più emozionante è stata la Camminata Ecologica.

La bandiera “Io pulisco dove cammino” ha accompagnato i bambini e i loro genitori i quali, con impegno e passione, hanno raccolto i rifiuti per le vie del paese cantando “Non abbiamo un altro pianeta”.

Mi sono veramente commosso e ho capito di aver fatto la cosa giusta. L’intera comunità di Sarsina è stata coinvolta: aziende che hanno fatto da sponsor, Scuole, Amministrazione Comunale, Pro-Loco, Consulta dei giovani, Consulta delle donne, Comitato genitori, Alpini, volontari, espositori, e soprattutto bambini e ragazzi.

L’amministrazione comunale ha già espressamente richiesto che la Festa dell’Ecologia diventi un appuntamento annuale. Inoltre lo scorso anno scolastico, è nato anche il progetto “Ecologia nelle Scuole” con i ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Valle Savio” di Sarsina e Ranchio. È stata una delle esperienze più intense e meravigliose che abbia mai fatto!

Sono davvero felice di abitare in un paese che permette all’ecologia di bussare alle porte dei cittadini e sopratutto di entrare nelle scuole, perché sono certo che siano i bambini e i ragazzi il motore del cambiamento che deve avvenire a livello globale.

Ci propri cuntent?

Il titolo del 15° numero della rivista Vivi Consapevole in Romagna è “Ci propri cuntent?” e la risposta è: “Assolutamente Sì!”.

Per descrivere il mio stato d’animo, vorrei prendere in prestito le parole di Adriano Olivetti:

Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia da qualche parte,
solo allora diventa un proposito, cioè qualcosa di infinitamente più grande”.


Alberto Bartolini

Nato e cresciuto a Sarsina (FC), dopo un lungo periodo in città ha deciso di ritornare al paesino natale consapevole che il rapporto Uomo-Natura sia fondamentale per la creazione di un mondo migliore. Ha lavorato come ingegnere elettrico seguendo progetti che spaziano dalla generazione di energia elettrica pulita all’automazione industriale. L’Ecologia, il rispetto per la Vita e per l’Ambiente sono ciò che lo rappresentano e che ama condividere con incontri a tema. Per questo, ha preferito lasciare il “posto fisso” per poter concentrare tutte le proprie energie sulle sue passioni. È uno dei soci fondatori dell’Associazione “Vivi Consapevole in Romagna” e coordinatore del “Tavolo Ecologia”.

Per contattarlo: 347 70 48 659 – ing.alberto.bartolini@gmail.com

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.