Le idee non dormono mai!

Le idee non dormono mai!

Ecco i 2 progetti che verranno presentati per il crowdfunding dall’Associazione Vivi Consapevole in Romagna

La Redazione

In questi mesi, visti i tanti sviluppi dei tavoli operativi, abbiamo deciso di presentare due progetti a Ginger, il sito di crowdfunding molto famoso in Emilia Romagna, a cui proporre idee innovative per trovare potenziali investitori. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi e appena i progetti saranno pubblicati sulla piattaforma www.ideaginger.it potrà partire la raccolta fondi.

È veramente bellissimo sapere che presto le nostre idee potranno essere finanziate da tutti coloro che credono nel cambiamento in Romagna e che vogliono migliorare la nostra terra con azioni realmente tangibili.

Cos’è il crowdfunding?

Il crowdfunding (dall’inglese crowd, folla e funding, finanziamento) è un vero e proprio finanziamento collettivo o, ancor meglio, una relazione collaborativa dove un gruppo di persone decidono di sostenere economicamente un progetto specifico. Il crowdfunding è quindi un modo di ottenere finanziamenti “dal basso”, coinvolgendo la folla che contribuisce alla realizzazione di un’idea. Non è più necessario chiedere tanto a pochi… Ma poco a tanti!

Le 2 idee proposte dall’Associazione Vivi Consapevole in Romagna

Comunità Educante

Il progetto della Comunità Educante nasce dall’esigenza di tante famiglie che cercano, per i propri figli, un ambiente educativo alternativo ai percorsi scolastici pubblici e privati attualmente presenti sul territorio romagnolo.

L’idea parte dalla consapevolezza che il compito di educare non si limita a fornire nozioni ma debba sviluppare quella parte del bambino legata alla creatività e ai talenti personali. L’educazione dev’essere in primo luogo volta alla conoscenza del sé a livello integrale (parte cognitiva, emozionale, sociale, pratica, motoria, spirituale, artistica e civica) per poi rispettare se stessi, gli altri e l’ambiente circostante.

Per noi è fondamentale che i bambini vengano educati a essere e non a dover essere secondo le istruzioni di qualcun altro. Un buon maestro deve saper indirizzare il bambino nella ricerca e nel suo percorso di apprendimento, deve imparare a essere la sua guida

Dove? Il progetto si svilupperà in un luogo adeguato che possa accogliere ed educare i bambini durante la giornata secondo il piano pedagogico innovativo che è stato studiato e condiviso sia dagli educatori che dai genitori: una vera e propria comunità educante composta da famiglie ed educatori che si è già costituita negli ultimi mesi grazie a incontri mensili fissi in cui sono state poste le basi del progetto. Caratteristica fondamentale del luogo di svolgimento delle attività è lo spazio esterno in cui i bambini passeranno la maggior parte del loro tempo imparando in natura e dalla natura. A chi si rivolge? Ci rivolgiamo a tutte le famiglie che non sono soddisfatte dell’attuale sistema scolastico e che vorrebbero per i loro figli un’educazione più a misura di bambino, con più attività in natura, gioco più libero e con un metodo di apprendimento di tipo esperienziale. Il target di età va dai 3 fino ai 14 anni con l’idea di sviluppare in un secondo momento anche percorsi formativi di livello superiore oppure integrazioni educative all’attuale sistema scolastico.

Il Metodo Educativo: questo progetto educativo prevede un approccio al bambino basato sull’ascolto delle sue necessità e sullo sviluppo di un piano didattico individuale. I gruppi-classe sono misti e composti da pochi bambini (massimo 8 per educatore) per dare loro modo di creare un clima familiare e sereno. La  divisione è pensata per fasce di età: 3-6 anni, 6-9 anni, 9-12 anni e 12-14 anni.  L’educazione in natura è uno dei pilastri portanti del sistema pedagogico poiché il bambino impara a rispettare e a preservare il mondo in cui vive, oltre che le persone; impara a conoscere gli animali e le piante del proprio territorio, impara le usanze e le tradizioni, impara a conoscere le proprie radici e a sentirsi parte integrante di una comunità e di un territorio.

Peculiarità distintiva del progetto è la nascita di una comunità educante che, secondo la visione olistica, si pone l’obiettivo di creare uno spazio educativo per tutti i membri della comunità, integrando quindi genitori, bambini, educatori e cercando di usufruire delle conoscenze di anziani, artigiani, e persone che possano passare i loro valori e i loro talenti ai bambini

Tutte le attività saranno un momento di condivisione e di apprendimento anche per i genitori e per gli educatori in un sistema che dà e riceve dai bambini stessi. Perché lo facciamo? Pensiamo che le generazioni future debbano crescere in modo consapevole e in stretto legame con il territorio che racchiude in sé sia la storia naturale sia le vicende e la cultura delle genti che lo hanno popolato. Il rapporto tra gli elementi naturali e umani che compongono un territorio è unico e dinamico: entrambi si influenzano a vicenda e concorrono a scrivere la storia di quel luogo. La natura è cultura e le conoscenze in campo naturalistico hanno la stessa importanza di quelle storico‐artistiche. Se riusciamo a creare nelle generazioni future un forte legame con il proprio territorio queste avranno un maggiore senso di protezione nei suoi confronti.

Quando il progetto verrà pubblicato sulla piattaforma Ginger, grazie al tuo aiuto potremo realizzare la PRIMA COMUNITÀ EDUCANTE in Romagna, e far sì che ogni bambino diventi un futuro cittadino che ha imparato in modo naturale a rispettare sé stesso, gli altri e il mondo che lo circonda.

Il Consumologo:  la guida che ti insegna a fare la spesa

Cos’è il Consumologo? Il libretto con le regole e i consigli per far rifiorire l’economia del territorio e tutelare noi e i lavoratori di oggi e di domani.

Perché serve? Ogni giorno compriamo qualcosa. Ogni giorno spendiamo soldi. Ogni giorno facciamo delle scelte. Ma… Quanto siamo consapevoli di ciò che compriamo, di quanto e come spendiamo e soprattutto di cosa scegliamo? Sai davvero dove vanno a finire i tuoi soldi e quale economia sostengono? Vanno ad arricchire le multinazionali o fanno sopravvivere le aziende del territorio? Favoriscono lo sfruttamento o assecondano le imprese etiche attorno a te? Gli ultimi anni hanno visto l’avvento e il grande successo di realtà come Google, Amazon, Facebook che ormai stanno diventando colossi mondiali, anzi, a dirla tutta, lo sono già.

È quasi spaventoso vedere la loro crescita inarrestabile, che avviene grazie anche a non poche “vittime”: piccole aziende che chiudono, lavoratori che vengono lasciati a casa e famiglie che hanno sempre più difficoltà ad arrivare a fine mese. Per comodità ci troviamo a comprare online, magari dal divano, senza più dover uscire, con l’illusione che spendere meno significhi anche spendere meglio. Ma è davvero così?

Noi dell’Associazione Vivi Consapevole in Romagna pensiamo che sia ora di informare tutti i romagnoli sulla situazione reale dell’economia del nostro territorio.

Se compro da una multinazionale, magari anche a un prezzo più basso, i miei soldi arrivano a lei, e spesso vanno a finire molto lontano, fuori dal nostro Paese. Se compriamo dal piccolo commerciante sotto casa sappiamo invece che i soldi rimangono all’interno di un circuito territoriale che, in un modo o nell’altro, darà lavoro a persone che probabilmente conosciamo e che vivono nella nostra stessa città. Quest’ultimo è un esempio di consumo consapevole ma ci sono tantissime altre informazioni e suggerimenti utili che possono sensibilizzare fortemente la popolazione, al fine di far rifiorire l’economia in Romagna. Tanti sono gli spunti attuabili da ora, per far sì che situazioni lavorative spiacevoli, come essere licenziati perché “manca il lavoro”, non siano più all’ordine del giorno.

Cosa trovi nel Consumologo? All’interno del Consumologo ci saranno riferimenti statistici sull’economia attuale romagnola, metodi di consumo consapevole da poter attuare immediatamente, consigli utili per fare la spesa con consapevolezza e le indicazioni di consulenti esperti del settore.

Quando il progetto verrà messo online sulla piattaforma Ginger, potrai aiutarci a far arrivare in tutte le case dei romagnoli il CONSUMOLOGO, così tutti finalmente sapranno come spendere meglio, scegliendo consapevolmente. Con il tuo aiuto la Romagna può diventare l’esempio di una regione economicamente più sana e felice, esempio che può essere poi replicato in tutt’Italia e speriamo, anche nel mondo intero.

Il futuro della Romagna e del mondo è nelle tue mani

Ginger: la forza della territorialità

La forza di Ginger è proprio nella territorialità, nella potenza che ha la Romagna a recepire le idee e scommettere su di esse, fino a portarle alla realizzazione e al successo.

Più un’idea è innovativa, più è bella e attuabile, più le persone ne rimarranno appassionate e saranno disposte ad aiutare e investire, anche donando denaro. Anche la capacità comunicativa dell’idea è fondamentale: più la sai spiegare bene e con semplicità, più farà breccia nella mente (e nel cuore) dei potenziali investitori.

La piattaforma che ha creato GINGER permette a privati, associazioni, imprese e pubbliche amministrazioni di pubblicare il proprio progetto e portare avanti una campagna di crowdfunding finalizzata al finanziamento dell’idea geniale. I progetti proposti sono tutti regionali ma tutto il mondo può sostenerli!

In più, a conferma di quanto Ginger sia attenta e voglia sostenere lo sviluppo economico romagnolo trasformando il crowdfunding in leva sociale, mette a disposizione una serie di servizi quali consulenze (project management, fund raising, marketing, ufficio stampa) e assistenza, in modo da seguire le idee da vicino e farle crescere più velocemente. Vivi in Emilia Romagna, hai un progetto o un’idea geniale che si sviluppa in questa regione e cerchi finanziatori? Allora GINGER fa proprio al caso tuo! Per maggiori informazioni: www.ideaginger.itginger@ideaginger.it

 

 

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.