Nutriti di felicità!

Nutriti di felicità!

Quali sono i cibi che rendono felici?

Francesca Rifici

Parlare di alimentazione significa quasi sempre parlare di cibi che fanno bene e cibi che fanno male.

Esistono categorie di alimenti che possono darci più fastidio come gli zuccheri raffinati, le farine trattate o i grassi animali e categorie riconosciute come più salutari, come la verdura e la frutta. Ma è davvero sempre così?

E se esistesse l’alimentazione della felicità, che ci nutre in base a quello che scegliamo?

Alimentazione ed emozioni

Quello che scegliamo per nutrirci passa da due livelli: dalla bocca, attraverso il cibo e le bevande e dalla mente, attraverso i pensieri e le emozioni. Entrambe le vie di entrata hanno uguale importanza e nessuna delle due può essere trascurata. Ti è mai capitato di seguire un’alimentazione considerata “sana” e allo stesso tempo accusare qualche fastidio, qualche gonfiore o difficoltà fisica? E ti è mai successo di mangiare un po’ quello che capitava (magari in vacanza) e sentirti pieno di energie lo stesso?

La nostra salute non dipende solo da quello che introduciamo dalla bocca per nutrirci ma anche da quello che entra nella nostra mente e condiziona il nostro stato d’animo.

Siamo stati educati negli anni ad alimentarci in modo corretto, seguendo un’alimentazione più possibile sana. La domanda che mi pongo è: “Quante volte ci hanno educato alla felicità? Quante volte ci hanno insegnato ad ascoltare i nostri desideri?”.

Nell’unicità troviamo la risposta

Ognuno di noi è fatto in modo diverso e basta osservarsi per capire che questo è vero. Non esiste un essere umano uguale all’altro, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista emotivo. All’interno i nostri apparati sono gli stessi ma funzionano comunque in modo diverso. C’è chi è predisposto verso alcune malattie e chi verso altre, chi perde più facilmente la vista e chi invece i capelli, chi ha una struttura muscolare più forte, chi trattiene più i liquidi. E come possiamo, in queste condizioni, pensare che esista una linea guida valida per tutti?

I cibi della felicità

Quando ci educhiamo all’ascolto, iniziamo a sentire cosa è migliore per noi, siano essi cibo o pensieri. Quali sono i cibi della felicità? Sono tutti quegli alimenti fisici ed emozionali che ci fanno sentire bene.

E non esiste una regola tassativa per forza, dove ogni giornata è uguale all’altra. Esiste l’ascolto e la conoscenza di noi stessi, che si incrementa giorno dopo giorno, prova dopo prova, tentativo dopo tentativo. E allora come fare?

Ecco la giornata tipo con i cibi della felicità. Mi alzo al mattino e inizio con un bel sorriso, primo nutrimento importante per la mia mente: se mi soffermo un attimo, trovo almeno un motivo per cui sorridere? Sono certa di sì.

La giornata parte con un bicchiere di acqua calda che mi predispone all’ascolto del mio stomaco e poi gli chiedo: “Cosa ti farebbe bene stamattina?”. A volte avrà voglia di dolce, a volte di salato, altre volte non vorrà nulla ma certamente se ci mettiamo in ascolto qualcosa saprà dirci. Proseguo la mia giornata all’ascolto del mio corpo (se mi presenta dolori, se si sente energico, se mi richiede acqua o cibo) e osservo i miei stati d’animo durante il giorno (quando sono tranquillo, euforico, infastidito, gioioso, arrabbiato).
Ogni giorno sei tu che puoi scegliere i tuoi cibi della felicità, non ascoltando per forza “ciò che è giusto fare perché dicono che fa bene” ma ascoltando la vocina interiore che ti racconta come ti senti, cosa provi, di cosa hai bisogno e cosa fare per vivere bene la tua giornata.

Informarsi su quali alimenti sono più adatti per mantenersi in salute è importante ed è una base utile per vivere bene, ma quello che davvero può aiutarci nel profondo, è educarsi all’ascolto di se stessi, chiedendosi sempre cosa sia buono per noi.

Cibi buoni per il corpo e per l’anima

Alcuni alimenti che possiamo portare sulle nostre tavole ci migliorano la vita, sia in termini di umore che in termini di salute fisica:

  • Cioccolato fondente al 70%: garantisce un buon carico di antiossidanti, vitamine e minerali e le endorfine che vengono rilasciate nel corpo con il consumo di cioccolato stimolano il buon umore.
  • Avocado: buono con la marmellata, buono con le uova o con il salmone e l’ideale per preparare gustose salse, dolce o salato a seconda di cosa il nostro stomaco dice. L’avocado migliora la salute di capelli e occhi e stimola le funzionalità del cervello, rendendoci più attivi.
  • Agrumi: nella loro scorza si racchiude l’olio essenziale che favorisce il buon umore (soprattutto arancia e mandarino) e il loro gusto dolce e aspro insieme stimola il sistema nervoso.

Nutri te stesso di felicità

Una delle mie frasi preferite è questa: «Alimenta la mente con grandi pensieri perché non andrai mai più in alto di quello che pensi».

Non esiste nulla che possa impedirci di raggiungere la felicità, perché la felicità è una scelta giornaliera.

Osserviamo i pensieri che ogni giorno facciamo, quanti sono positivi verso noi stessi e gli altri e quanti non lo sono. Iniziamo ad alimentare la nostra mente con i pensieri più alti, con i sogni più ardui, con i desideri del nostro cuore più profondi e presto vedremo la vita trasformarsi nel miglior film che ci eravamo immaginati.

Leggi anche → Ricettina della felicità: la torta al cioccolato a basso indice glicemico


Francesca Rifici
Naturopata, esperta di Medicina Tradizionale Cinese e Riflessologia plantare, ha approfondito negli anni la sua passione per la medicina alternativa con lo studio della cucina naturale, a basso indice glicemico. Organizza serate a tema e corsi legati all’energia degli alimenti e al legame tra cibo ed emozioni. Riceve su appuntamento per consulenze personalizzate e trattamenti a Cesena e a Forlì.
Per contatti: www.francescarifici.com – info@francescarifici.com

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.