Oggi faccio il compost

Oggi faccio il compost

Consigli su come fare il compost anche a casa tua

A cura della Redazione

Abbiamo già parlato di come si fa il compost e perché è così importante prendere in considerazione questa alternativa naturale.

Oggi però vogliamo entrare nei dettagli, perché siamo tutti più sensibili a ciò che ci circonda e ci chiediamo sempre più spesso come poter contribuire a migliorare la nostra amata terra. Ecco un modo!

Migliora la tua terra: fai il compost

Fare compostaggio ha tantissimi vantaggi. Uno di questi è poter riutilizzare materiale considerato di scarto che sennò andrebbe buttato. Per lo stesso motivo, fare il compost se hai un orto, significa anche risparmiare! Quali sono gli “ingredienti” per creare un ottimo compost? Ce lo dice Christina Strutt nella sua “Guida Pratica alla Casa Ecologica”, guida indispensabile per chi pensa “green”.

Cosa crea un ottimo compost:

  • bucce dei vegetali
  • frutta e verdura sciupata
  • fiori morti, insieme alla loro acqua vecchia
  • petali e foglie cadute
  • cartone ondulato
  • scatole delle uova
  • fondi del caffè
  • foglie e bustine di tè
  • gusci delle uova (mai uova intere)
  • Erba tagliata
  • Erbaccia (non i semi)
  • Giornali strappati
  • Paglia (essenziale)
  • Bucce della frutta (le bucce d’arancia e di limone è meglio essiccarle e utilizzarle per accendere il fuoco)
  • Mai aggiungere i cibi cucinati (nemmeno scarti vegetali) nel secchio per il compostaggio, perché attirano i parassiti.
Come fare il compost

Per aver un buon compost serve la giusta temperatura. Sì, perché per vivere e riprodursi, i microorganismi al suo interno, protagonisti nella decomposizione, hanno bisogno di una temperatura ottimale. Oltre al calore, fondamentale è la presenza di ossigeno, altro ingrediente d’obbligo per avere il compost ideale.

Si consiglia di scavare una buca: puoi così proteggere il materiale di scarto da pioggia e vento che abbassano la temperatura e, senza cumuli, l’impatto visivo sarà decisamente migliore.

Se preferisci, puoi usare un contenitore, ad esempio un bidone, oppure puoi mettere il materiale di scarto direttamente a terra, su uno strato di paglia o dei rametti, così da far circolare meglio l’aria. Sconsigliato appoggiarlo sul calcestruzzo o sul cemento: sono superfici fredde e non agevolano il processo di decomposizione.

È necessario ricoprire il cumulo con uno strato di erba tagliata o erbacce e innaffiarle se non sono abbastanza umide.

D’ora in poi, ogni volta che vuoi, aggiungi il contenuto del secchio di compost della cucina e altro materiale adatto al tuo cumulo esterno, sempre cercando di tenerlo arieggiato con l’aiuto di tubi di cartone o rotoli da cucina vuoti. Importante è rimescolare il compost almeno una volta alla settimana per favorire una decomposizione uniforme.

In poco tempo avrai il tuo concime biologico fai da te e il tuo orto te ne sarà enormemente grato!

 

Dettagli La Redazione

La redazione di Vivi Consapevole in Romagna.